Perchè il pesce non fa bene alla memoria

Perchè il pesce non fa bene alla memoria

Prima di tutto dobbiamo sapere che il pesce presenta sì un buon contenuto di fosforo, ma, ad esempio, i legumi, formaggi, cereali e frutta secca ne contengono molto di più. Oltre a questo non vi è nessuna correlazione tra l’assunzione di fosforo e le eventuali capacità mnemoniche, tuttavia è vero, che gli acidi grassi polinsaturi (omega 3) contenuto nel pesce  sono utili allo sviluppo del sistema nervoso, probabilmente è dovuto forse a questo la nascita del detto: ” il pesce rende più intelligenti”.

Asprino

Asprino

Il vitigno Asprinio, noto anche col nome di Ragusano, è diffuso in Campania, soprattutto nel Casertano e nel Napoletano. Le sue antichissime origini lo identificano come autoctono di questa zona: sembra infatti che derivi da antichi vitigni selvatici addomesticati dagli Etruschi, ed anche l’antico sistema di allevamento, ad alberata viva con viti maritate ad olmi o pioppi, sembra derivare da quei tempi antichi. La sua caratteristica di essere stato coltivato soprattutto in terreni sabbiosi lo ha protetto in parte dall’azione della fillossera e spesso ancor oggi si trovano coltivazioni di Aprinio allevate su piede franco. La sua spiccata acidità lo rende adatto alla spumantizzazione. Questo vitigno è alla base per […]

Nastrini e radicchio

Nastrini e radicchio

Ingredienti: dose per 4 persone nastrini g 250 – radicchio verde tagliato fine g 100 – uno scalogno – una piccola provola affumicata – burro – vino bianco secco – sale. Sciogliere una grossa noce di burro in una pentolina, aggiungere lo scalogno tagliato a julienne. Quando sarà imbiondito unire il radicchio e lasciar morire a fuoco basso, poi versare un dito di vino bianco, salare e far cuocere adagio, senza asciugare troppo. Tagliare la provola a dadini. Lessare la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolarla e trasferirla nella padella con il radicchio, bagnarla eventualmente con un mestolino della sua acqua di cottura e aggiungere in ultimo la provola. […]

San Zaccaria(Papa)

San Zaccaria(Papa)

Poco si sa della sua vita precedente all’elezione al Soglio pontificio. Proveniente da una famiglia greca della Calabria, era stato diacono lavorando in stretta collaborazione con Gregorio III, al quale succedette il 29 novembre 741. La consacrazione avvenne il 10 dicembre, senza aspettare la conferma dell’esarca di Ravenna che a questa funzione era stato delegato qualche anno prima dall’imperatore. Il gesto non aveva però alcuna connotazione polemica o di sfida, in quanto il nuovo pontefice era comunque conosciuto come abile diplomatico e persona conciliante.Abile amministratore, Zaccaria seppe controllare molto bene le milizie papali e l’amministrazione civile dell’Urbe. Sviluppò inoltre il sistema della domus cultae, l’assegnazione a fittavoli di terre incolte […]