About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Santa Rita da Cascia

Santa Rita da Cascia

Nacque Rita a Rocca Porena, paesello nei pressi di Cascia nell’Umbria, l’anno 1363. Sotto la vigile cura dei genitori la bimba cresceva giudiziosa e pia, come un fiore di serra, con particolar tendenza alla solitudine ed alla preghiera. Era suo vivo desiderio di consacrare a Dio la sua verginità, ma i genitori vollero che si sposasse. Lo sposo era burbero e collerico, ma Rita, armata di pazienza, tutto seppe sopportare, ricambiando bene per male, senza che in diciott’anni di matrimonio la concordia venisse infranta in quella casa. Uomini pessimi le trucidarono il ‘consorte. Ella, anzichè pensare a farne vendetta, pregava Dio per quegli infelici, non solo, ma si studiava di […]

La ‘mperciata

La ‘mperciata

Ingredienti Mezzo chilo di panne raffermo tagliato a pezzetti Un chilo di broccoli di rape Olio extra vergine d’oliva Aglio Preparazione Lessate i broccoli in acqua salata (abbondante). Fateli raffreddare e scolateli per bene. Mettete poi due spicchi d’aglio in un bel po’ di olio extra vergine di oliva e calatevi i pezzetti di pane raffermo. Quando vedrete il pane abbrustolirsi, aggiungete le verdure e fate saltare in padella il tutto. Fate molta attenzione ad ottenere un buon amalgama! Servite molto caldo. NDR: la tradizione, a San Giorgio, prevede l’uso di una padella particolare: la “farzora”

Scavi della chiesa di S. Nicola a Pesco Sannita (BN)

Scavi della chiesa di S. Nicola a Pesco Sannita (BN)

La chiesa di S. Nicola ( costituita da un’unica navata con coro ligneo allogato nell’abside, colonne in muratura poggiate su basi di marmo finemente lavorato e successivamente dotata di organo) fu costruita tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVI. Nel 1518 l’arcivescovo di Benevento, il cardinale Alessandro Farnese ( poi papa Paolo III ), concesse su di essa, all’università di Pescolamazza, lo iuspatronatus in cambio di una dotazione annua di 40 tumuli di grano da corrispondere al sacerdote incaricato di officiare la messa domenicale e gli altri riti religiosi. Probabilmente fu proprio allora che, per facilitare la raccolta delle offerte da parte dei fedeli, venne istituita […]