About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Bollito di capra

Bollito di capra

Ingredienti: Carne di capra 1 gambo di sedano con foglie 3 carote 3 patate 3 pomodori 1 cipolla olio extravergine di oliva del Cilento sale qb Preparazione: Tagliate a pezzi la carne ed eliminate il grasso in eccesso, successivamente ponetela in una capiente casseruola colma di acqua fredda. Quando l’acqua s’approssima all’ebollizione, raccogliete con una schiumarola il grasso in superficie. Successivamente, calate in acqua le verdure tagliate molto grossolanamente. La cottura è lenta, può durare dalle tre alle quattro ore, a seconda della taglia dell’animale. Aggiungete il sale e l’olio extravergine di oliva del Cilento. La carne deve essere servita con il suo brodo.

Cannalonga (Sa)

Cannalonga (Sa)

Il Comune di Cannalonga, in provincia di Salerno, è un centro agricolo di antichissime origini, situato nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Per raggiungere Cannalonga è necessario percorrere l’A3 Salerno-Reggio Calabria, uscire allo svincolo di Battipaglia e proseguire per la SS18. La stazione ferroviaria più vicina è quella di Castelnuovo sulla linea Reggio Calabria – Battipaglia. Il paese conserva perfettamente intatto un incantevole centro storico, con le case “a grappoli” che fanno da corona ad un’imponente piazza, sulla quale si affaccia il monumento più importante, il Palazzo ducale dei Mongrovejo, circondato da alte torri, con un cortile interno ricco di affreschi e statue di marmo […]

Palazzo Torrusio a Cannalonga (Sa)

Palazzo Torrusio a Cannalonga (Sa)

L’antico borgo racchiude una magnifica piazza su cui si affaccia il palazzo ducale con le sue torri e con il suo cortile ricco di affreschi e statue marmoree. Presumibilmente fondata dagli abitanti di Civitella intorno al IX-X secolo, la tradizione le attribuisce il nome originario di Tolve, dal latino terra ulvae o terra dell’ulva, pianta palustre che evidentemente coesisteva ai canneti cui fa riferimento il nome attuale del paese. Cannalonga assunse grande importanza intorno al 1450 perché sede di un grande mercato settembrino, la Fiera di Santa Lucia, che si tiene tuttora e che ancora richiama tantissimi curiosi da tutta la provincia e non solo. Ma la fama del piccolo […]

San Pacomio

San Pacomio

Abate, Santo fu il primo padre del cenobismo monastico. Soldato Esneh ebbe occasione di conoscere cristiani e fu spinto ad imitarli. Lasciata dunque la militizia, si ritirò presso un piccolo tempio abbandonato di Senesit e poco dopo fu battezzato. Fallito il suo primo tentativo ascetico, si ritirò a vita anacoretica sotto la guida del Monaco Palomone. In questo periodo potè rendersi conto dei difetti della vita anacoretica e comprese la necessità di una vita in comune, in un monastero, sotto la direzione di un superiore. Si separò così da Palamone e a Tabennisi, un villaggio abbandonato sulla riva destra del Nilo, organizzò una comunità religiosa di cui fu abate, caratterizzata […]