About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

San Vittore il Moro

San Vittore il Moro

S. Vittore ebbe la corona del martirio sotto Massimiano. Il crudele imperatore, venuto a Marsiglia ove il nostro Martire militava come ufficiale, ordinò la più spietata guerra contro i Cristiani, esponendoli alle pene più orribili. Paventarono quei buoni fedeli alla nuova procella, quando si levò a loro conforto la voce di Vittore, che con l’esempio della sua invincibile costanza e con parole infuocate seppe animarli alla battaglia e alla vittoria. Vittore, esposto più degli altri al pericolo, fu arrestato e condotto ai tribunali. Intimatogli d’ubbidire ai comandi dell’imperatore, rispose che aveva sempre cercato di difendere principe ed impero, che aveva lavorato per coprirli di gloria, e che ogni giorno pregava […]

Zuppa santella

Zuppa santella

INGREDIENTI 500 g di spezzatino di carne di vitello o pollo 300 g di carne tritata prezzemolo 2 uova 1 spicchio d’aglio sale formaggio pane raffermo 1 kg di scarola latte o acqua q.b. PREPARAZIONE Preparare un brodo di pollo o di carne di vitello. Nel frattempo lavare e mondare la scarola e lessarla in acqua leggermente salata. Preparare l’impasto per le polpette con carne macinata, prezzemolo, uova, aglio, sale, formaggio e mollica di pane raffermo precedentemente ammollata in latte o acqua e accuratamente strizzata. Ricavare delle polpettine non più grandi di una nocciolina da friggere in olio bollente. Infine in una pentola unire la scarola, il brodo quanto basta […]

Il castello di Cusano Mutri (Bn)

Il castello di Cusano Mutri (Bn)

Il castello di Cusano Mutri era una architettura medievale che dominava il centro storico di Cusano Mutri e di cui oggi restano alcuni ruderi. Sull’origine del castello non si ha alcuna documentazione scritta anche se un forte era già citato nella bolla di papa Felice III che nel 490 elesse il primo parroco della chiesa di san Pietro, sita appunto presso le mura del castello come ancora oggi. L’attuale costruzione è però da includere nell’insieme delle fortificazioni che i Sanframondi costruirono entro la metà del XIII secolo nei loro feudi. Il castello venne assaltato nel 1780 durante una insurrezione di contadini che lo diedero alle fiamme. I ruderi dell’edificio sono […]