About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Santi Filippo e Giacomo Apostoli

Santi Filippo e Giacomo Apostoli

S. Filippo, nativo di Betsaida, era un uomo giusto e spesso consultava le Scritture per conoscere quando si sarebbe avverata la promessa del futuro Liberatore atteso da tutte le genti. Un giorno andò a lui Natanaele, e Filippo disse lui: « Abbiamo visto il Messia ». Filippo felice, ne andò in cerca e lo incontrò mentre tornava dal Giordano. Gesù appena lo vide gli mosse il suo dolce invito: « Vieni e seguimi », e Filippo lo segui con amore ardente. Egli viene ricordato nel Vangelo per la sua domanda rivolta al Salvatore là nel deserto prima che il Messia operasse il miracolo della moltiplicazione dei pani: « Dove troveremo […]

Crusicchi di Caggiano con sugo di castrato

Crusicchi di Caggiano con sugo di castrato

Ingredienti per 4 persone Per la pasta: 400 gr di semola di grano duro, acqua tiepida e sale quanto basta Per il condimento: 300 gr di carne di castrato, olio extravergine d’oliva, 1 cipolla, basilico e prezzemolo quanto basta, 400 gr pomodori rossi maturi, vino bianco secco, 40 gr pancetta Disponete la farina sulla spianatoia, unite il sale e pian piano l’acqua tiepida, quindi lavorate l’impasto fino a ottenere un panetto liscio ed elastico. Dividete il panetto in pezzi più piccoli e conferite a ciascuno la forma di un cordoncino largo circa un centimetro, quindi tagliate ogni cordoncino in altri pezzetti lunghi circa 2 centimetri e lasciateli riposare sulla spianatoia […]

Castello di Caggiano (Sa)

Castello di Caggiano (Sa)

Il castello di Caggiano si trova sul lato orientale del paese, l’unico non difeso naturalmente ed era costituito in origine da un corpo centrale, una mole possente che comprendeva tre alte torri, un torrione e due fortini. Secondo un atto di donazione del 1092 il primo signore del paese, Guglielmo di Caggiano della famiglia di Roberto il Guiscardo, lo eresse nella parte più alta del paese per difendersi dagli attacchi dei Saraceni. Le sue mura fortificate rendevano l’accesso quasi impossibile. Al castello si poteva accedere attraverso due porte d’ingresso orientali e due porte occidentali, più impervie e quindi più protette. Documenti ritrovati testimoniano come le porte fossero custodite nella notte […]