About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Sant’Angelo a Scala (Av)

Sant’Angelo a Scala (Av)

L’abitato di Sant’Angelo a Scala sorge alle pendici del monte Vallatrone a 560 metri sul livello del mare, sul versante nord-occidentale dei monti del Partenio. Dominato da una guglia rocciosa sulla quale venne costruito un fortilizio nella seconda metà del XI secolo, il borgo è menzionato per la prima volta nell’anno 1030. Il fortilizio diventò teatro di numerose battaglie durante tutto il Medioevo. Il conte di Monteforte Guglielmo Carbone riuscì a conquistare con i suoi armigeri nel 1113 il maniero, dove allora dimoravano alcuni signori di stirpe longobarda. Pochi anni dopo, nel 1160 Ruggiero II il Normanno donò il castello a Riccardo de Aquila. Dopo brevi infeudazioni il maniero passò […]

Abbazia di San Giacomo Apostolo a Sant’Angelo a Scala (Av)

Abbazia di San Giacomo Apostolo a Sant’Angelo a Scala (Av)

Nel centro di Sant’Angelo a Scala si trova l’antichissima abbazia di San Giacomo Apostolo edificata nel 1375 e spesso restaurata nel corso dei secoli. Essa presenta una facciata con un imponente portale in pietra finemente lavorato, il finestrone centrale e ricche lesene decorative laterali. Accanto ad essa insiste un maestoso campanile che ogni estate diventa una vera e propria attrazione con il famoso “incendio del campanile” un vero e proprio spettacolo di fuochi pirotecnici che lo coinvolgono. Internamente la chiesa presenta tre navate, con archi in tufo ed otto cappelle. Di notevole interesse sono l’altare maggiore in marmi policromi, il fonte battesimale, l’organo a canne, dipinti del XVIII secolo provenienti […]

Santa Sara di Antiochia

Santa Sara di Antiochia

Santa Sara di Antiochia visse fra il III ed il IV secolo, originaria della città mediorientale di Antiochia, dove trovò la morte a causa della fede: aveva fatto battezzare i figli contro il volere del marito e contravvenendo alle disposizioni Imperiali Romane. Il Sinassario Alessandrino è l’unico a portare testimonianza scritta della martire, ponendo il giorno commemorativo della sua “rinascita al cielo” (dies natalis) il 20 aprile. Figlia di una famiglia benestante, andò in sposa ad un alto ufficiale impegnato nelle persecuzioni avviate da Diocleziano. Preferì non fare battezzare in città i figli, perciò decise di farlo ad Alessandria d’Egitto, dove viveva una prosperosa comunità di cristiani che non erano […]