About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

San Biagio dei Librai,storica strada delle librerie

San Biagio dei Librai,storica strada delle librerie

San Biagio dei Librai, la strada di Napoli in piena città greca, è anche fonte atemporale di cultura: basti pensare che in una sola via, tra l’altro parte integrante del Decumano Inferiore, continuano ad evolversi storia e tradizioni. Legate, appunto, ai libri. In origine caratterizzata da diverse botteghe di librai che offrivano gratis rilegature, correzioni di manoscritti e altro, questa strada fu dedicata a San Biagio (all’epoca chiamato “Santo Jasso”), che è considerato patrono dei librai e degli infermi di gola. Ma il vero motivo per cui questa via comprende la parola “librai” è legata a un evento avvenuto nel 1543, quando la chiesetta di San Biagio Maggiore (una delle […]

Palazzo Marigliano

Palazzo Marigliano

Il palazzo fu costruito, nel 1512-13, per Bartolomeo di Capua, principe della Riccia, conte di Altavilla, dall’architetto cosentino Giovanni Donadio, detto il Mormando, passò poi ai Marigliano del Monte nella seconda metà dell’800. L’edificio ha subito notevoli alterazioni nel tempo, soprattutto nel basamento con l’apertura di botteghe che ne hanno interrotto la continuità. Esso rappresenta una delle dimore civili rinascimentali più belle ed eleganti che si possono incontrare nel tessuto urbano di Napoli Questo palazzo, secondo Roberto Pane, “vanta la più elegante facciata rinascimentale di Napoli, anche se le sale interne non conservano quasi nulla della primitiva forma, perché rifatto in età barocca”. Il palazzo è caratterizzato dall’iscrizione “MEMINI” che […]

San Giovanni di Dio

San Giovanni di Dio

Il Portogallo fu la terra fortunata che diede i natali a questo glorioso campione della carità cristiana. Nato nel 1495 da poveri ma piissimi genitori, trascorse una giovinezza innocente, piena di semplicità.Aveva però grande smania di viaggiare; e a questo fine abbandonò casa e patria. Caduto in estrema miseria, fu costretto a mettersi a servizio del conte d’Oropesa (Castiglia), dal quale fu arruolato nella fanteria. Nella vita militare perdette l’innocenza e la semplicità della vita. Nel 1536, mentre era in Ungheria a combattere contro í Turchi, la compagnia di Giovanni fu congedata ed egli, ritornato nell’Andalusia, si mise a servizio di una ricca signora in qualità di pastore. Nella pace […]