About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Pasta e Fagioli con Cotiche

Pasta e Fagioli con Cotiche

Ingredienti Per realizzare la ricetta di pasta e fagioli con le cotiche per quattro persone bisogna procurarsi i seguenti ingredienti: 450 grammi di fagioli; 320 grammi di pasta di grano duro; Un litro di brodo di carne e e verdura; 400 grammi di pomodori pelati; 50 grammi di cotenna di maiale (ovvero la cotica); Un po’ di strutto (in Irpinia note come ‘nzogna); Una cipolla; Un aglio; Olio extravergine di oliva; Sale; Pepe. Preparazione Procurati tutti gli ingredienti è il momento di passare alla preparazione della pasta e fagioli con cotiche. Innanzitutto bisogna trattare la cotenna di maiale: farla bollire per qualche minuto, poi scolarla raschiarla. Mettere a soffriggere un […]

Castello di Trevico

Castello di Trevico

Il Castello di Trevico è un maniero medievale che fa parte delle oltre 70 rocche, fortezze e i castelli di epoca longobarda, normanna o risalenti ad altri periodi presenti sul territorio avellinese, in cui ci muoviamo con la volontà di diffondere il patrimonio storico della verde provincia campana. Continuate a seguire la rubrica per conoscere storie e leggende, di paesaggi e misteri, che caratterizzano un’incantevole provincia. Nel punto più elevato del centro storico, in posizione strategica di dominio della vallata della Baronia di Vico, sono visibili i ruderi del castello medievale di Trevico. L’epoca di edificazione della struttura, secondo alcuni, dovrebbe risalire all’epoca normanna, ma altre teorie attribuirebbero la costruzione […]

Trevico

Trevico

Port’Alba, unica porta superstite delle tre originarie, del 1500, dà il benvenuto in questo paese, a 1094 metri s.l.m., al quale si può accedere da tre vie da San Sossio, Vallata, Vallesaccarda, come testimoniato dal nome del paese, dal latino tres viccum, tre vie. Dopo le lotte tra bizantini e longobardi, il paese, passando per la dominazione normanna e la corona dei D’angiò, di famiglie nobiliari, arriva alla sua attuale configurazione. Di interesse la sosta presso il refrigerante tiglio del 1692, ove ancora oggi riverbera l’eco dell’antica natura dell’albero: talora luogo di decisioni importanti riguardanti il comune, ma anche di esecuzioni di condanne: nel 1833 vi fu appeso il brigante […]