About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Beata Rosa da Viterbo

Beata Rosa da Viterbo

Nel secolo xin la Chiesa era travagliata da funestissime eresie e da frequenti guerre e turbolenze. Viterbo era allora in tristissime condizioni. Eretici, atei, si diffondevano per la città ed i cristiani s’erano talmente intiepiditi, che la loro vita poco si distingueva da quella degli altri. Ma la misericordia di Dio ebbe pietà di quel popolo e mandò loro questa Santa che doveva essere la salvatrice dei suoi concittadini. Nata da virtuosi genitori nel 1234. la piccina crebbe nella virtù. Fin dagli anni più teneri i genitori si accorsero che quella non era una fanciulla comune, ma che la grazia lavorava in lei in modo veramente straordinario. Aborriva ogni specie […]

Le janàre di San Lupo

Le janàre di San Lupo

Lungo la strada che collega la piccola cittadina di ottocento abitanti con il limitrofo comune di Guardia Sanframondi, un ruscello, una rupe e un ponte rappresentano da sempre l’ambientazione di una nota leggenda ricordata da tutti gli abitanti del posto. Tanto tempo, fa un marito ed una moglie adottarono una bambina nata dall’unione amorosa tra un diavolo e una strega. Divenuta una ragazzina, ella faceva la pastorella nel bosco. Un giorno, durante uno dei suoi bagni nell’acqua fresca di un ruscello, attirò l’attenzione di un nobiluomo che arrivava da Limata (antica città del posto oggi scomparsa). L’infinita bellezza della ragazza infatuò l’uomo che la desiderava con ardore. Ma lei, che […]

San Lupo,(Bn)

San Lupo,(Bn)

Il territorio dell’ attuale Comune di San Lupo fu abitato fin dalla preistoria. La nascita del primo nucleo abitato risale al periodo tra il X e il XI secolo d.c. ad opera dei monaci benedettini che fondarono in queste terre una dipendenza del monastero di “San Lupo e Zosimo che era in Benevento”. Tale struttura sorgeva nell’area detta Cortesanta, ai piedi di un torrione difensivo, sul quale fu poi costruita l’attuale Chiesa Madre di “San Giovanni Battista”. Intorno ad essa si andò formando il primo nucleo del paese. Il terremoto del 1456 arrecò gravi danni, ed indusse parte della popolazione a trasferirsi a monte, dove oggi è l’attuale abitato. Nel […]