About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Il castello di Gioia Sannitica (Ce)

Il castello di Gioia Sannitica (Ce)

Il castello di Gioia, risalente all’età normanna (X-XI secolo), fu edificato in località Caselle su un colle che domina la valle. Il borgo fortificato è tra i meglio conservati in Campania, grazie al fatto che dopo il suo abbandono – avvenuto presumibilmente verso la fine del XIV secolo – non fu più rioccupato. Il borgo è difeso sul lato nord da una cortina muraria molto semplice, mentre sugli altri lati si sfruttarono al massimo le difese naturali. La cinta è costituita da pietre calcaree legate con malta e presenta soltanto una torre semicircolare a nord-ovest, una a puntone ad est, seguita subito da un’altra più piccola semicircolare. Le mura non […]

La Chiesa di San Michele ad Anacapri (Na)

La Chiesa di San Michele ad Anacapri (Na)

La Chiesa di San Michele ad Anacapri domina Piazza San Nicola nel cuore del centro cittadino. Fu costruita tra il 1698 e il 1719 per volontà di Madre Serafina di Dio. La storia del monumento inizia con una promessa che la religiosa fa a San Michele Arcangelo affinché Vienna, baluardo della cristianità, venisse liberata dall’assedio dei Turchi infedeli: “Se Voi liberate Vienna, prometto di fondare ad Anacapri una chiesa e un monastero, a maggior gloria del Signore e a onor Vostro”. E così fu. L’esercito imperiale sconfisse gli ottomani e la suora caprese cominciò ad adoperarsi per trasformare quella preghiera in realtà. Il monumento sorge accanto al convento delle teresiane […]

Santa Croce del Sannio (Bn)

Santa Croce del Sannio (Bn)

Già nota in epoca romana come luogo di sosta lungo l’antica via Minucia, appare in alcuni diplomi redatti nell’VIII secolo d.C. come CASALE SANCTAE CRUCIS. Nel 762 fu assegnata dal re longobardo Desiderio ai monaci dell’abbazia di Montecassino; successivamente, dopo essere stata sottoposta all’autorità del gastaldato di Boiano, fu concessa in feudo da Guglielmo I a Rodolfo Alemagno, che ne detenne il controllo tra il 1172 e il 1183. Nel Duecento passò dalla famiglia Santacroce a Siginulfo, conte di Telese; appartenne in seguito ai Monfort e, per concessione di re Ferdinando I d’Aragona, al suo capitano d’arme Giovan Battista del Balzo (1465); fu ceduta poi a tale Luigi Rovigliero e […]

Tufo (Av)

Tufo (Av)

La frequentazione del territorio di Tufo risale ad epoche preistoriche, a cagione della natura tufacea della collina su cui sorge il paese e da cui ha derivato il nome. L’esistenza di insediamenti in loco risale sin dal IV secolo A.C., come confermato dal ritrovamento di tombe preromane (hirpine). Inoltre, nei pressi del paese, vennero rinvenuti anche reperti archeologici di età romana. Le origini dell’odierna Tufo vengono, però, ascritte ai Longobardi ed individuate lungo le rive del fiume Sabato, alle pendici del Monte Gloria, dove tra il IX ed il X secolo cominciò a svilupparsi il nucleo originario, impiegando l’abbondante materiale tufaceo, facilmente estraibile dal sottosuolo dell’area. Si trattò di un […]