About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

San Vincenzo di Saragozza

San Vincenzo di Saragozza

S. Vincenzo, illustre martire di Gesù. Cristo, nacque a Saragozza in Spagna. Sotto la disciplina di Valerio, vescovo di quella città, fu istruito nelle scienze e nella pietà. In breve fece tali progressi che meritò di essere consacrato diacono coll’incarico (nonostante fosse ancora assai giovane) di predicare la parola divina. Incrudeliva allora la persecuzione contro i Cristiani, mossa dagli imperatori Diocleziano e Massimiano nell’anno 303. Tra i persecutori si distinse Daciano, governatore della Spagna, il quale ordinò che tutti i Cristiani fossero arrestati e rinchiusi in orride prigioni. Fra questi furono arrestati Vincenzo ed il vescovo Valerio. Tradotti davanti al giudice, Vincenzo, cui Valerio aveva ceduto la parola, disse: « […]

Carnevale paternese

Carnevale paternese

Gli apprezzamenti giungono da ogni parte fino a portare alla convinzione, che: ” Paternopoli è l”unica vera Viareggio dell’Irpinia”. L’affermazione sopra citata deriva dalla qualità, obiettivamente alta, raggiunta dai carri allegorici negli ultimi anni. Le tecniche di lavorazione della carta pesta, della creta e del ferro si sono molto raffinati, senza contare l’ingegno per realizzare i vari movimenti presenti sui carri. I costruttori dei carri sono giovani, artigiani e appassionati che di anno in anno portano in piazza idee diverse ed in perfetta sintonia con lo spirito e l’allegoria della festa. Alla realizzazione dei carri allegorici partecipano anche esperti di pittura e di lavorazione dei materiali. Il Carnevale di Paternopoli […]

La chiesa di San Nicola di Bari – Paternopoli

La chiesa di San Nicola di Bari – Paternopoli

La chiesa Madre di S. Nicola, anche nota come Santuario della Consolazione venne costruita nel 1522 a seguito dall’ampliamento della preesistente chiesa medioevale dedicata prima a San Luca e poi all’Annunziata. Successivi interventi, non solo modificativi ma anche accrescitivi, vennero realizzati nei secoli XVII e XVIII e comportarono l’espansione della cripta sotterranea (detta Grotta sotto la chiesa), in modo da disporre di una sede più ampia per le sepolture. Tale ampliamento impose l’introduzione di due archi per sorreggere le sovrastanti strutture. L’attuale aspetto per quanto attiene alla facciata, mostrata dalla fotografia, si deve al restauro del 1948, salvo che per l’imponente scalinata risalente al 1774. Particolare dell’imponente campanile della chiesa […]