About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Santa Croce del Sannio

Santa Croce del Sannio

Già nota in epoca romana come luogo di sosta lungo l’antica via Minucia, appare in alcuni diplomi redatti nell’VIII secolo d.C. come CASALE SANCTAE CRUCIS. Nel 762 fu assegnata dal re longobardo Desiderio ai monaci dell’abbazia di Montecassino; successivamente, dopo essere stata sottoposta all’autorità del gastaldato di Boiano, fu concessa in feudo da Guglielmo I a Rodolfo Alemagno, che ne detenne il controllo tra il 1172 e il 1183. Nel Duecento passò dalla famiglia Santacroce a Siginulfo, conte di Telese; appartenne in seguito ai Monfort e, per concessione di re Ferdinando I d’Aragona, al suo capitano d’arme Giovan Battista del Balzo (1465); fu ceduta poi a tale Luigi Rovigliero e […]

Bivacco civ.39 #ìsupportcuaregl

Bivacco civ.39 #ìsupportcuaregl

…e niente, continua la saga delle serate targate Doppiozero lab per il civ.39. Venerdì 29 Dicembre dalle H21:00 saranno con noi Turìddu – Ola Kala, street band. Inoltre, durante la serata ci sarà il ‘live painting’ dell’artista nonchè compagno di barba Luigi Lume. Vi aspettiamo, diffondiamo il verbo. Siateci FREE ENTRY Luci d’Artista – San Lorenzello centro, 82030 San Lorenzello

Melism Partout

Melism Partout

Il vento freddo dell’inverno porta quattro emigranti e un fresco sposo a suonare al Bar Verdi. Hanno già suonato insieme, un po’ di anni fa. Con altri individui formavano un gruppo chiamato Melisma. Quello che suoneranno non lo sanno bene neanche loro, forse qualche vecchio pezzo, forse qualcosa di francese, forse qualcosa di napoletano, forse quello che si ricordano o che gli viene in mente là per là. Sicuramente sarà una festa, a cui chi vuole e passa di lì si potrà unire. Tanto il Bar Verdi è capiente … Marco Cuciniello – contrabbasso Valerio Iaccio – violino Loredana Mauro – voce Francesco Petti – chitarra Gerardo Vitale – viola