About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

La Chiesa della SS. Annunziata di Vico Equense (Na)

La Chiesa della SS. Annunziata di Vico Equense (Na)

Su un costone roccioso e a picco sul mare, si erge una delle chiese monumentali più affascinanti della costiera sorrentina, la Santissima Annunziata nella cittadina di Vico Equense, provincia di Napoli. La struttura risale al XIV secolo e rappresenta, nelle sue navate interne, uno dei pochi esempi di architettura gotica presenti sul territorio. La chiesa è stata sede vescovile e cattedrale della diocesi fino al 1818. Un tempo, la cattedrale vicana, si trovava nella zona bassa della città, ma il centro cittadino venne spostato nella zona alta in seguito alla incursioni dei pirati e fu così che per volere del vescovo Paolo Pace, si decise di costruire l’attuale struttura. La […]

Castello di Roccadaspide (Sa)

Castello di Roccadaspide (Sa)

Il Castello di Roccadaspide è situato su un’altura granitica, a dominio della sottostante Valle del fiume Calore Lucano e del borgo omonimo, facente parte del club dei ‘Borghi più belli d’Italia’. Il colle dove sorge il maniero ha di fronte il monte Alburno, sul lato nord, mentre a sud il monte Vesole. Il maniero, che nei secoli ha subito varie aggiunte e trasformazioni, si presenta in ottimo stato di conservazione, ha un perimetro di 400 metri ed è costituito da 33 stanze e 7 torri di cui 2 quadrangolari e 5 cilindriche. All’interno delle mura del castello sono inoltre presenti degli ambienti un tempo adibiti a prigioni e camera dei […]

Il miracolo delle cavallette per liberare Roccadaspide

Il miracolo delle cavallette per liberare Roccadaspide

Santa Sinforosa, Patrona di Roccadaspide dalla seconda metà del 1500, onorata il 18 luglio con un’affluenza di fedeli provenienti anche da altri centri della Valle del Calore, era la moglie di San Getulio Zotico. Nati rispettivamente a Tivoli e a Gabio, vissero nei primi tempi del Cristianesimo. Secondo il Martirologio Romano, i due coniugi e i loro sette figli (Crescenzio, Giuliano, Nemesio, Primitivo, Giustino, Stattèo ed Eugenio) furono torturati in modo atroce e uccisi su ordine dell’imperatore Adriano perché seguaci della religione fondata da Gesù Cristo. La santa martire tiburtina, potente soccorritrice dei rocchesi, “ascolta e accoglie le preghiere di tutti i suoi devoti”. Uno dei miracoli clamorosi della Patrona […]