About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Caiazzo: ritrovamenti archeologici straordinari

Caiazzo: ritrovamenti archeologici straordinari

Ritrovata nell’alto casertano una nuova piccola miniera archeologica. Nell’ambito dei lavori di restyling del centro storico, a Caiazzo in provincia di Caserta, sono stati ritrovati reperti archeologici di inestimabile valore: dal putridarium, tipico ambiente funerario in cui venivano adagiati frati e monache prima della sepoltura, a due scheletri probabilmente risalente all’anno mille. Ma non è tutto, sotto i primi stati sono emerse pietre che lasciano presagire la riemersione dell’antica “Caiatia” risalenti, come ipotizzato dagli storici, a circa duemila anni fa. Ritrovamenti straordinari attualmente sottoposti al vaglio della Soprintendenza che, presto, deciderà in che modo sostenere e proteggere gli scavi. Resta da chiedersi in che modo le autorità decideranno di preservare […]

Riso, patate e cozze

Riso, patate e cozze

Ingredienti per 4 persone 1 kg di patate 1 kg di cozze pulite 70 g di riso 3-4 pomidoro maturi 1 cipolla, 1 spicchio d’aglio, prezzemolo, basilico, olio, sale, pepe, parmigiano grattugiato. Preparazione Far aprire le cozze a fuoco vivace; sgusciarle e conservarle con il loro liquido filtrato. (Foto 2) Sbucciare le patate e tagliarle a fette. Irrorare il fondo di una larga teglia con un filo d’olio e su questo distribuire mezza cipolla a fettine, mezzo spicchio d’aglio tritato, un paio di pomidoro a pezzettini, prezzemolo e basilico tritati, sale e pepe. Su questo letto fare uno strato con la metà delle patate (foto 3); su queste porre le […]

Il Santuario Madonna del Fiume di Calabritto

Il Santuario Madonna del Fiume di Calabritto

Il Santuario Madonna del Fiume si trova nell’alta Valle del Sele, nel piccolo borgo montano di Calabritto (Avellino). Secondo la leggenda popolare, all’inizio del XVII secolo il torrente Meria, a causa della fitta pioggia che colpiva la regione da diversi giorni, era straripato e aveva travolto una piccola cappella che sorgeva sulle sue rive. Tuttavia, la raffigurazione della Vergine che era stata dipinta sul fondo della cappella fu ritrovata del tutto illesa alla foce del torrente. Nel 1624 (anno di devozione alla Vergine, al tempo in crisi a causa della riforma protestante) fu intrapresa la costruzione del Santuario in onore della miracolosa raffigurazione della Vergine. Furono impiegati soltanto tre anni […]