About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Pasta con il fagiolo “Quarantino”

Pasta con il fagiolo “Quarantino”

Dosi per quattro persone: la sera prima mettete a bagno i fagioli in acqua abbondante gr.400 di pasta fatta in casa (pettole) gr.350 di fagioli (già lessi con un po’ di rosmarino) gr.50 di sugna (grasso di maiale) uno spicchio d’aglio un ciuffo di prezzemolo un pezzetto di cipolla tritata una cucchiaiata di olio extravergine di oliva gr.300 di pomodorini (tipo Pachino) sale q.b. peperoncino rosso q.b. Cottura: soffriggete in un tegame di coccio la sugna, l’aglio, la cipolla e, quindi, il prezzemolo. Versate i pomodori e i fagioli, salate e aggiungete il peperoncino. Fate cuocere per una decina di minuti. Aggiungete un litro e mezzo di acqua, portate ad […]

San Serafino da Montegranaro

San Serafino da Montegranaro

Figlio di contadini, Serafino nacque a Montegranaro nelle Marche nel 1540. Non ebbe possibilità di studiare dovendo, per vivere, condurre al pascolo il gregge di un contadino. Morto il padre, assieme al fratello maggiore, andò a lavorare in un cantiere di Loro Piceno. Serafino, attratto dalla voglia di imparare, divenne amico della figlia dell’impresario, avendola udita leggere ad alta voce. Fu proprio la ragazza ad avvicinarlo al locale convento dei francescani cappuccini, dove il giovane chiese poi di essere accolto. Fatto il noviziato a Jesi, venne inviato ad Ascoli Piceno, dove trascorse quasi tutta la vita adattandosi ai lavori più umili in casa e nell’orto. Il suo motto era «La […]

Lago d’Averno

Lago d’Averno

Il lago d’Averno, di origine vulcanica (dal greco “senza uccelli” perché il gas sulfureo uccideva gli uccelli), era molto famoso nell’antichità perché lo si credeva la porta degl’inferi (Ade). Lo specchio d’acqua colpisce per la plumbea, immota pesantezza delle sue acque, negre come acque infernali. Il carattere austero e solenne, quasi tenebroso del luogo, il colore delle acque scaturite dal fondo di un vecchio cratere, dense e limacciose, la presenza di una fonte termale lungo la riva del lago, considerata come acqua della Stige, e il ricordo di antiche esalazioni irrespirabili che ammorbavano l’aria e rendevano impossibile il volo degli uccelli, avevano circondato questo luogo di misteriose e paurose leggende […]