About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Pozzuoli

Pozzuoli

Situata sull’omonimo golfo, Pozzuoli si trova in un’area vulcanica, i Campi Flegrei (cioè campi ardenti), che comprende un vulcano ancora in attività, la Solfatara. Fenomeno geosismico tipico di questa città e dell’intera area dei Campi Flegrei è il bradisismo, ossia il sollevamento e l’abbassamento della crosta terrestre a seguito dell’aumento della pressione sotterranea. Il rapido innalzamento del livello del mare coinvolse negli anni ottanta il porto, che fu riposizionato circa 50 metri più avanti rispetto alla collocazione precedente. STORIA Pozzuoli era in origine uno scalo commerciale cumano, la città vera e propria fu fondata nel 528 a.C. da un gruppo di esuli sami, con il nome di Dicearchia (cioè giusto […]

San Giovanni XXIII

San Giovanni XXIII

«Figlioli… tornando a casa, troverete i bambini, date loro una carezza e dite: questa è la carezza del papa. Troverete, forse, qualche lacrima da asciugare. Abbiate per chi soffre una parola di conforto. Dite che il papa è con loro…». Era una tiepida serata d’autunno e Giovanni XXIII congedava così la gente accorsa in piazza San Pietro per celebrare l’avvio del concilio Vaticano II (1 l ottobre 1962). Quelle parole, intrise di umanità e di poesia, commossero il mondo e furono il miglior preludio della grande assise ecumenica destinata a rinnovare profondamente la chiesa e che fece di Giovanni XXIII, come scrisse Frainois Mauriac, il papa che ha gettato «un […]

Parco archeologico – Roscigno Vecchia

Parco archeologico – Roscigno Vecchia

Risale agli anni ’20 il primo recupero di materiale antico; nel corso di lavori agricoli furono raccolti numerosi gioielli di ambra intagliata, pertinenti a ricchi corredi funerari andati distrutti; databili tra VI e V sec. a.C. documentano la presenza di una comunità indigena articolata e fiorente. Tuttavia il ritrovamento che pose Roscigno alla ribalta archeologica avvenne, sempre per caso, nel 1938; proprio sul pianoro del monte Pruno venne scavata una sepoltura definita immediatamente “principesca” Il defunto, disposto supino, aveva gli oggetti del corredo disposti lungo i fianchi ed ai piedi; la ricchezza ed il rango sociale erano enfatizzati dagli splendidi materiali di bronzo tra cui un candelabro di produzione etrusca; […]