About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

San Silverio

San Silverio

Quando, nell’aprile 536, moriva il Papa S. Agapito, successe in Roma l’anarchia e si prevedeva difficile l’elezione d’un successore. Ma l’elezione del Papa è opera dello Spirito Santo ed ecco, all’annuncio del novello Papa, nella persona di Silverio, ritornare la tranquillità. Nell’Italia meridionale: Belisario, generale di Giustiniano, occupava Sicilia e l’anno dopo il Napoletano; poscia si spinse su, fino all’occupazione di Roma. Teodora, moglie di Giustiniano imperatore, seguace dell’eresia di Eutiche, approfittò dell’occupazione di Roma per cercare di ottenere dal Papa che fosse ristabilito l’eretico Antino nella sede episcopale di Costantinopoli. Belisario, cui fu affidata l’impresa si presentò al Papa ed espose la sua domanda. Questi però si oppose energicamente. […]

San Romualdo

San Romualdo

S. Romualdo nacque a Ravenna dalla nobile famiglia degli Onesti: i costumi del casato però non corrispondevano al nome. Il duca Sergio, padre del nostro Santo, uomo irascibile e per nulla religioso, venuto in lite con un parente per il possesso di un podere, lo sfidò a duello. Romualdo sebbene aborrisse lo spargimento di sangue, costretto dal padre, dovette assistere a quell’atto irragionevole che terminò coll’uccisione dell’avversario. A quella vista il suo cuore inorridì e corse a nascondersi nel monastero di Classe presso Ravenna, per riparare, con quaranta giorni di penitenza, l’omicidio commesso dal genitore. Finita quella quaresima, si sentì mutato; le esortazioni di un frate laico e di due […]

Le capre di San Costabile Gentilcore

Le capre di San Costabile Gentilcore

Sono diverse le leggende a Castellabate che riguardano il suo santo protettore: san Costabile Gentilcore. Tra tutte queste leggende quella delle capre è sicuramente la più nota e tramandata. Secondo questa nel secolo XVI una delle torri costiere aveva avvistato cinque navi pirate pronte a dirigersi verso Castellabate per saccheggiarla. Gli abitanti del paese allertati, lasciarono di fretta le proprie abitazioni per rifugiarsi nella fortezza di Castellabate situata in cima al colle. Verso sera, mentre i pirati si stavano preparando per assediare il borgo, si vide un enorme gregge di circa 700 capre con delle fiaccole accese legate alla corna, guidate da un monaco, dirigersi dal colle verso la costa. […]