About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Mimmo Paladino arreda Brescia con 72 opere

Mimmo Paladino arreda Brescia con 72 opere

Corpi con teste d’argento, vasi ermetici, specchi ciclopici e la discussa «Stele», un rimpiazzo part-time del Bigio in marmo nero. Mimmo Paladino ha riarredato Brescia in stile Transavanguardia: 72 opere dell’artista sono state installate nel centro della città per la mostra a cielo aperto «Ouverture». Dopo la posa dei capolavori, è tempo della vernice: l’esposizione è stata presentata alle 12 di venerdì 5 maggio alla stampa e ha preso ufficialmente il via alle 18 con l’inaugurazione al pubblico. Le opere, concesse gratuitamente alla città dal maestro della transavanguardia, resteranno a Brescia fino al 6 gennaio 2018.

Santa Rita da Cascia

Santa Rita da Cascia

Nacque Rita a Rocca Porena, paesello nei pressi di Cascia nell’Umbria, l’anno 1363. Sotto la vigile cura dei genitori la bimba cresceva giudiziosa e pia, come un fiore di serra, con particolar tendenza alla solitudine ed alla preghiera. Era suo vivo desiderio di consacrare a Dio la sua verginità, ma i genitori vollero che si sposasse. Lo sposo era burbero e collerico, ma Rita, armata di pazienza, tutto seppe sopportare, ricambiando bene per male, senza che in diciott’anni di matrimonio la concordia venisse infranta in quella casa. Uomini pessimi le trucidarono il ‘consorte. Ella, anzichè pensare a farne vendetta, pregava Dio per quegli infelici, non solo, ma si studiava di […]

Le origini della Chiesa di Santa Chiara

Le origini della Chiesa di Santa Chiara

La chiesa e il monastero di Santa Chiara sono simboli di Napoli come pochi altri. E non solo per la monumentalità del complesso che domina il fitto abitato del centro antico e per il richiamo dei tesori d’arte che conserva, ma perché, segnato nei secoli dagli accidenti della storia e dagli orientamenti del gusto, ha assecondato i cambiamenti della città, che ne ha inventato un’identità ogni volta nuova, e sempre attuale. Quando nel Trecento fu fondato da Roberto d’Angiò e Sancia di Maiorca, il monastero francescano aveva l’ambizione di essere il più importante dell’intero Mezzogiorno per grandezza e numero di religiosi. E tale sarebbe stato, raggiungendo nel Settecento il suo […]