About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

La leggenda della ballerina caprese e del fantasma di Tiberio

La leggenda della ballerina caprese e del fantasma di Tiberio

La leggenda della ballerina caprese e del fantasma di Tiberio. Carmelina Corrotta è per tutti, a Capri, la Bella Carmelina. Ella intratteneva i turisti, i curiosi e i visitatori sul bordo del salto di Tiberio. Quando l’archeologo arrivò, il fantasma sparì. La febbre delle ricerche, come la chiama Amedeo Maiuri nel suo Breviario di Capri, sconvolge i luoghi, viola i segreti, rompe equilibri arcani. Quando arrivò sull’isola azzurra, salì fin sopra il monte Tiberio, dov’erano arroccati i resti dell’antica villa dell’imperatore, diede inizio ai lavori, senza immaginare che da quel momento la ballerina di tarantella avrebbe perso il suo fantasma. «A me pare un eremo di potenza e di dolore, […]

Il tuo armadietto dei medicinali “verdi”

Il tuo armadietto dei medicinali “verdi”

Le erbe contro febbre, influenza e mal di testa La fitoterapia può molto contro i disturbi più sgradevoli e fastidiosi per il nostro corpo. Cominciamo dal più diffuso male della stagione fredda, l’influenza: il miglior rimedio naturale da tenere in casa è senza dubbio l’Echinacea: usata sotto forma di tintura madre o in 1DH (prima diluizione), stimola le difese immunitarie e combatte batteri e virus. Come si prende? Al primo accenno di raffreddore, 5 gocce di tintura madre una volta al giorno, per 5 giorni. Attenzione: è preferibile non usarla per più di una settimana, altrimenti ha l’effetto contrario, diventa immunodepressiva (indebolisce cioè le difese dell’organismo). All’influenza, come sappiamo, si […]

Dalla Gran Bretagna arriva la dieta ecosostenibile

Dalla Gran Bretagna arriva la dieta ecosostenibile

Mangiare bio non basta. Scegliere alimenti che non provengano dall’altro capo del mondo, nemmeno. Un’alimentazione davvero ecosostenibile deve basarsi su un presupposto fondamentale: tenere conto dell’impatto ambientale dell’intero processo di produzione di un alimento, dall’energia impiegata per la lavorazione fino all’impacchettamento e al trasporto. È l’idea che ha spinto due ricercatrici britanniche a stilare una dieta che promuove a pieni voti uova e bacon, ma esclude vino e formaggio. Ruth Fairchild e Andrea Collins, del University of Wales Institute di Cardiff, si dicono preoccupate da come ultimamente tutta l’attenzione del pubblico si sia concentrata sul legame tra trasporto dei generi alimentari e produzione di gas nocivi. Dalle loro ricerche emerge […]