About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

Nusco (Av)

Nusco (Av)

Il centro si è sviluppato in età longobarda per opera di Sant’Amato, divenuto poi vescovo e patrono di Nusco, dal cui volere sorse la cattedrale di Santo Stefano ed il paese divenne sede vescovile. La Cattedrale originaria dell’XI secolo e rifatta nel settecento si presenta con una imponente facciata in pietra locale ed un bel portale rinascimentale. All’interno affreschi del Pennino del 1750, il Pulpito ligneo del seicento, un coro ligneo del XVIII secolo, quattro mausolei dedicati ai vescovi ed una sedia vescovile in legno; altre interessanti tele attribuite a Matteo Vigilante, Andrea d’Asti, Michele Foschini e la Cripta in stile romanico con un bel dipinto bizantino raffigurante la Madonna […]

Chiesa di Sant’ Amato a Nusco (Av)

Chiesa di Sant’ Amato a Nusco (Av)

La concattedrale di Nusco è una chiesa di antiche origini con una architettura prevalentemente tardobarocca. La chiesa è stato fondata nel 1093 da Sant’Amato, primo vescovo di Nusco, secondo una tipica architettura di stampo romanico, di cui non sussistono particolari elementi, tranne alcune tracce nella cripta, sottostante il transetto e con ingresso dalla navata laterale destra, dove sono visibili alcuni elementi di spoglio della probabile chiesa preesistente (forse, secondo alcune tesi storiografiche, la struttura primitiva del complesso di Santo Stefano o addirittura un impianto aggiunto) e uno straordinario ciclo di affreschi (posto sotto l’attuale coro), raffigurante La Natività e risalente al periodo precedente alla predicazione di San Francesco. L’attuale cattedrale […]

Il borgo Medievale di San Severino di Centola (Sa)

Il borgo Medievale di San Severino di Centola (Sa)

San Severino di Centola, nel basso Cilento, è un borgo medievale abbandonato situato sulla sommità di un colle costituito nella sua struttura da rocce calcareo-scistose, con la cima bipartita da una sella, la quale divide in due zone l’insediamento in cui si distinguono i ruderi del castello e della chiesa, dall’area in cui vi sono le abitazioni abbandonate dai cittadini. Il colle ha la parete nord-est che si erge a strapiombo dalla riva destra del fiume Mingardo (che solca la “Gola del Diavolo”), mentre dalla riva sinistra si erge il monte Bulgheria che ha preso il nome dai mercenari bulgari guidati dal duca Altzek che giunse in Italia con le […]

Vico Equense (Na)

Vico Equense (Na)

“Equense” deriva dal termine latino “aequa” che significa, appunto, “piana“, proprio ad indicare quest’aspetto. “Vico”, invece, deriva da “vicus”, termine che per i romani significava un quartiere esteso al punto da avere una certa autonomia, un borgo. La zona era popolata ben prima che i romani arrivassero: sono state ritrovate numerose sepolture di popoli indigeni che vivevano lì millenni prima dell’ascesa di Roma. Tuttavia, la prima testimonianza dell’esistenza di Vico Equense la troviamo nel poema “Punica”, dell’autore latino Silio Italico. Nel parlare della morte di un tale Murrano, nella battaglia di Trasimeno, proveniente da “Aequana”, un’area vicino a Sorrento. Abbiamo detto che per i romani era un “vicus“, non una […]