About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568

La Cappella di Santa Lucia a Massaquano, Vico Equense

La Cappella di Santa Lucia a Massaquano, Vico Equense

Ci sono luoghi che si scoprono per caso, girovagando nei piccoli borghi, gioielli preziosi dalla storia secolare. È il caso della Cappella di Santa Lucia a Massaquano, il più antico casale di Vico Equense in penisola sorrentina, una struttura trecentesca di piccole dimensioni ma dalla grande suggestione. Si ipotizza che ci abbiano lavorato seguaci del grande pittore fiorentino Giotto, che frequentò la corte napoletana dei D’Angiò insieme a tanti altri illustri personaggi passati alla storia per le mirabili opere. La Cappella è un dono per i turisti e i curiosi restituito alla comunità grazie alla caparbietà di un prete, Don Antonio Guida, che inizia ad occuparsi della Cappella dal 1984 […]

Borgo di Marzanello Vecchio (Ce)

Borgo di Marzanello Vecchio (Ce)

Il Castrum Marzanelli (o Castrum Martianelli), inteso come centro abitato fortificato con dignità urbana affonda le sue origini probabili nell’epoca delle prime invasioni barbariche, ma dovette assumere la sua piena dignità nei secoli IX e X, quando il territorio del Medio Volturno venne ad essere funestato in modo continuo dalle cruente scorrerie saracene. Anche tra le rovine di Marzanello Vecchio, come tra quelle del borgo di Vairano, è difficile individuare elementi architettonici che si possano datare con certezza ad un periodo anteriore al sec XV, mentre abbondano le strutture databili con certezza al sec. XVIII. Esiste, peraltro, un manoscritto (MSMC1), conservato nell’archivio del Museo Provinciale Campano di Capua (busta 109), […]

Castello di Vairano Patenora (Ce)

Castello di Vairano Patenora (Ce)

L’esistenza del Castrum è documentata dall’epoca del sovrano normanno Guglielmo II (circa 1188), ma si suppone esistente già nei secoli IX e X. Nel 1193 il castello, difeso da Ruggero di Chieti, seppe resistere e scoraggiare definitivamente le offensive dell’esercito combinato di Enrico VI e di Roffredo dell’Isola (Vairanum acriter impugnans in nullo profecit). Nel 1437 Vairano fu saccheggiato dall’esercito del Patriarca Vitellesco mandato dal papa Eugenio VI. Nel 1461 i casali e il castello conobbero la furia distruttrice dell’esercito di Marino Marzano che lasciò Vairano, secondo le cronache dell’epoca, “depopulata et dehabitata”. Tra il 1491 e il 1503 il Castello fu completamente ristrutturato ad opera del feudatario Innico II […]