Santi Ermagora e Fortunato di Aquileia

Santi Ermagora e Fortunato di Aquileia

La definizione della personalità di Ermagora e lo sviluppo del suo culto, destinato ad avere grande importanza nell’Italia nordorientale, risale a quanto sembra al VII sec., quando, in seguito allo scisma detto dei Tre Capitoli, il patriarcato aquileiese rivendicò la propria autonomia dalla Chiesa di Roma. Per assicurare una base storica e teologica a tale rivendicazione, la fondazione della sede episcopale di Aquileia venne attribuita all’evangelista Marco, che per ordine di 2′ Pietro avrebbe portato il vangelo nella regione, consacrando come primo vescovo della città Ermagora, scelto dalla locale comunità cristiana. Nell’elaborare ai fini della propria politica ecclesiastica questa leggenda, della quale non c’è traccia fino almeno alla metà del […]

I fatti di Campolattaro:l’eccidio dimenticato.

I fatti di Campolattaro:l’eccidio dimenticato.

Dal 7 all’11 agosto 1861 anche in Campolattaro avvenne una serie di fatti che furono simili, in gran parte, a quelli che erano o sarebbero avvenuti in altri paesi: prima, diffusione di notizie false, atte ad eccitare gli animi della plebe ignorante, poi invasione, violenze a persone e da cose, inevitabile riflusso, repressione. Su Campolattaro converrà soffermarsi alquanto, un pò perchè la storiografia corrente ha avuto la tendenza a trattare le vicende di questo paese alquanto succintamente dal momento che per fortuna durante l’occupazione dei reazionari non avvennero uccisioni o altri gravi delitti contro le persone; un pò perchè è opportuno riportare alla giusta valutazione degli studiosi fatti e personaggi. […]

San Benedetto da Norcia

San Benedetto da Norcia

S. Benedetto, padre del monachismo d’Occidente, restauratore dello spirito cristiano dei suoi tempi, nacque a Norcia, nell’Umbria, dalla nobile famiglia Anicia nel 480. Inviato a Roma per addottorarsi nelle discipline liberali, tosto si ritirò dal mondo. Prese dimora nello speco di Subiaco ove rimase per tre anni nascosto e ignoto a tutti, conducendo vita penitente e angelica. Essendosi sparsa la fama della sua santità, alcuni monaci si posero sotto la sua guida sapiente ed illuminata. Ma la sua condotta era un continuo rimprovero e uno stridente contrasto con la loro vita rilassata. Non volendo essi sottomettersi ai suoi richiami, tentarono di avvelenarlo: però, fatto egli, come era suo costume, il […]