San Zeno di Verona

San Zeno di Verona

I monumenti più antichi e più gloriosi di Verona sono due. Il primo è l’Arena, il grande anfiteatro romano eretto sotto Traiano e ancora mirabilmente conservato. Il secondo è la chiesa abbaziale di San Zenone, o, come dicono i Veronesi, di San Zeno Maggiore. Accade spesso che sul corpo di un Martire o di un Santo, come su un terreno particolarmente fertile, germogli una grande chiesa o ributti uno svelto campanile. A Verona, sul corpo miracoloso di San Zenone è fiorita la più bella chiesa italiana dell’epoca romanica, con il boccio di pietra rosea dell’elegante campanile. La vita di San Zenone, Santo veronese, è avvolta nella leggenda. Pare che fosse […]

Pietramelara

Pietramelara

La storia di Pietramelara è antica e nobile. Grazie ad importanti ritrovamenti archeologici si sono rinvenute nel territorio del Monte Maggiore numerose tracce di forme di vita risalenti all’epoca pre-romana. La struttura del centro di Pietramelara testimonia che l’insediamento fu frutto di un’attenta pianificazione che presupponeva una rocca a difesa e controllo del territorio. Il borgo medioevale, cuore del centro storico, si articolava in un complesso radiocentrico il cui asse era rappresentato da un’antica torre longobarda ed il cui perimetro era dato dalla grande cinta muraria stretta da 12 torri. Fondata da Landolfo ed Adenolfo, principi longobardi, nel primo medioevo, Pietramelara fece parte prima dei possedimenti della badia di Montecassino […]

Toto’: I ricavi per la canzone “Malafemmina” li donò alla ex moglie.

Nel 1951 Totò, seppur sposato con Diana Rogliani, aveva fatto una corte spietata a Silvana Pampanini, conosciuta sul set di 47 morto che parla. Scoperta la tresca, la moglie decise di separarsi e si risposò poco dopo, mentre la figlia di Totò, Liliana, appena diciottenne se ne andò di casa per sposarsi a sua volta. Così Totò scrisse di getto la canzone Malafemmina, che divenne popolarissima dopo l’omonimo film con Peppino De Filippo, ma decise di donare tutte le royalties proprio all’ex moglie.

Proprieta’ della propoli

Proprieta’ della propoli

La propoli è naturale al 100%. Viene prodotta dalle api e utilizzata come “cemento” nella costruzione dell’alveare: grazie alla sua azione antibatterica, funge da barriera difensiva contro i microrganismi esterni. È composta da resine, balsami, cera, polline, minerali, vitamine (B1, B2, B6, C ed E) e flavonoidi (pigmenti che si trovano nei fiori, nei frutti e sulla corteccia degli alberi). È disponibile in diverse forme: oltre alla classica tintura idroalcolica, si trova in sciroppi, compresse effervescenti, spray, collutori. In effetti, le proprietà antisettiche della propoli erano note già agli antichi Egizi, che la utilizzavano nei processi di mummificazione. Grazie poi ad alcuni principi attivi come gli oli essenziali e i […]