La Giostra di Castello del Matese

La Giostra di Castello del Matese

“La Giostra” è la festa medievale di Castello del Matese (CE), organizzata dall’Associazione culturale Cluvia. La prima domenica di agosto, le tre contrade del paese, Cavallo, Platano e Torre si contendono il palio; i cavalieri, armati di lancia e al galoppo, devono centrare gli anelli, posti lungo il suggestivo campo di gara allestito nella piazza del paese. L’evento, preceduto dai festeggiamenti del venerdì e del sabato, con musiche e banchetti, rievoca un fatto storico, accaduto in queste terre durante l’assalto alla fortezza nel 1460. In quei tempi Castello era la roccaforte di Piedimonte, ultima difesa in cui riparare durante gli assedi. Fonti attestano un precedente assedio alla fortezza, nel 1229, […]

Santa Martina

Santa Martina

Questa santa Vergine romana discendeva da celebre famiglia consolare. Rimasta orfana ancora in tenera età, si dedicò con tutto l’ardore della sua anima giovanile alle opere della cristiana pietà, distribuendo con la massima liberalità le ricchezze che i suoi le avevano lasciato in grande abbondanza. Non ci fu miseria che non soccorresse: nessuno mai bussò invano alla sua porta. Nei poverelli ella vedeva Gesù stesso, il Maestro Divino che aveva detto: « Quello che avrete fatto al minimo dei vostri fratelli, l’avrete fatto a me ». Siccome la carità cristiana era sconosciuta nel mondo pagano, ben presto si sospettò che Martina fosse seguace di quel Nazareno che veniva a predicare, […]

Il Tartufo nero di Bagnoli Irpino

Il Tartufo nero di Bagnoli Irpino

In questo caso i Borbone avevano capito tutto. Sulle loro mense arrivavano tartufi da tutto l’Appennino, ma i cuochi di corte avevano l’ordine tassativo di utilizzare solo quello di Bagnoli Irpino, portato a Napoli da un ristretto gruppo di raccoglitori di fiducia del re. Un dettaglio che basterebbe a fare giustizia di tanti luoghi comuni, più vicini alle mode che alla gastronomia. Non a caso, fino a poco tempo fa, l’unico tartufo primaverile della Campania era considerato il fratello povero di una categoria con esemplari ben più blasonati e conosciuti. Insomma, quasi un surrogato. Poi, da qualche anno, è arrivato il momento della scoperta, anzi della riscoperta. Sì perché il […]