Basilica di Santa Maria della Sanità, nota anche con il nome di San Vincenzo (Na)

Basilica di Santa Maria della Sanità, nota anche con il nome di San Vincenzo (Na)

A Napoli, la Basilica di Santa Maria della Sanità, nota anche con il nome di San Vincenzo ( Ferrer ) popolarmente detto “o monacone”, è legato alla figura del domenicano Fra’ Nuvolo che diede forma a uno dei principali esempi del barocco napoletano. La Basilica, eretta sul sito delle catacombe di San Gaudioso nel popolare rione Sanità, è nata come segno di devozione dei fedeli napoletani alla Madonna, in seguito al ritrovamento della più antica raffigurazione della Vergine a Napoli risalente al V-VI secolo d. C. L’immagine, proveniente dalla cripta, è affissa sulla parete destra della prima cappella della chiesa dedicata a san Nicola. Esternamente colpisce la cupola rivestita di […]

La Chiesa di S. Maria Immacolata a Venticano (Av)

La Chiesa di S. Maria Immacolata a Venticano (Av)

La chiesa di S. Maria e S. Alessio, o anche chiesa di Santa Maria Immacolata venne eretta nel XV secolo. Più volte restaurata, venne ricostruita dopo il terremoto del 1980. La facciata presenta ancora gli antichi portali in pietra ed il rosone centrale. All’interno dell’edificio si conservano la tela che ritrae la “Madonna col Bambino”, risalente al XVIII secolo, nonchè statue e dipinti del XIX secolo. A pochi metri dalla chiesa si ergeva il piccolo Monastero di Santa Maria, fatto erigere da Guglielmo IV, che ebbe grande notorietà in passato. Di tale struttura rimanevano fino a pochi anni fa, un chiostro con un bel porticato, la torre campanaria con alti […]

Chiesa di Santa Maria Maggiore e di San Marcellino a Luogosano (Av)

Chiesa di Santa Maria Maggiore e di San Marcellino a Luogosano (Av)

Incerto è l’anno di edificazione della Chiesa di Santa Maria Maggiore e di San Marcellino, ma il campanile posto in corrispondenza della porta d’ingresso della struttura lascia presagire che siano antiche. La facciata è totalmente ristrutturata, così comne l’interno nel quale sono conservate lapidi e cippi funerari romani, inseriti nei pilastri e nelle pareti dell’edificio. Tali elementi confermano ulteriormente l’origine paleocristiana della chiesa di cui di enorme rilievo sono la vasca battesimale in pietra del 1586 e l’altare maggiore del 1739, donato dall’arcipresbitero Jacopo Antonio Venuti, che fece realizzare, nel 1763, anche la balaustra e la scalinata mistilinea, in pietra di Fontanarosa.

Chiesa dell’Incoronata Sicignano degli Alburni (Sa)

Chiesa dell’Incoronata Sicignano degli Alburni (Sa)

La madonna dell’Incoronata di Sicignano degli Alburni è conosciuta e venerata anche come la “Regina Vallis Alburnorum” che apparve intorno all’anno 1000 accanto al luogo di culto, sopra un pianta di alloro. Il Santuario è situato al km 40 della S.S. 19 e si ipotizza che abbia rappresentato una tappa obbligatoria per tutti quei fedeli che, nei secoli a venire, attraversavano e sostavano presso la Nares Lucanae, durante il loro lungo pellegrinaggio da e verso Roma. Oltre ad essere un luogo di culto e preghiera, esso fu anche una taverna borbonica. La prima chiesa dell’Incoronata fu edificata nel IX secolo dagli abitanti del Casale Scalcinati e fu utilizzata anche per […]