Battipaglia (Sa)

Battipaglia (Sa)

Centro industriale, agricolo e commerciale in provincia di Salerno, a 21 km a SE del capoluogo, a 72 metri sul livello del mare, nella piana del Sele, alla sinistra del fiume Tusciano. Comune di 56,42 km2 con 44.436 abitanti nell’ultimo censimento. La storia di Battipaglia incomincia con la costruzione di un Castello denominato “Castelluccio”, nell’anno 1080, e donato alla Chiesa Salernitana dal Normanno Roberto il Guiscardo; in seguito il Castello passerà ai principi Pignatelli e sarà restaurato completamente, nel 1920, da P. P. Farinelli.Nel XIII secolo saranno costruiti tre casali: uno annesso al Castello, un altro nelle vicinanze del Ponte sul fiume Tusciano e il terzo a S. Maria.Ogni casale […]

ZUPPA DI FAGIOLI CERATI

ZUPPA DI FAGIOLI CERATI

INGREDIENTI DELLA ZUPPA DI FAGIOLI CERATI fagioli 150 g di fagioli cera 100 g di cipolla di Alife 100 g di sedano Una carota piccola Due o tre pomodorini del Piennolo Peperoncino a piacere 20 g di olio d’oliva extravergine DOP PROCEDIMENTO Dopo la formazione, sistemare la brace in un angolo del camino ed adagiarvi al centro la pignatta, con i fagioli tolti dall’ammollo, la carota, il sedano ed i pomodorini tagliati a pezzetti, la cipolla ed il peperoncino tritati finemente. Ricoprire completamente con acqua calda; chiudere con il coperchio in terracotta e lasciare che i fagioli cuociano per il tempo necessario dal momento dell’ebollizione, aggiungendo mezzo bicchiere d’acqua di […]

Piedimonte Matese,(Ce)

Piedimonte Matese,(Ce)

Piedimonte si stende allo sbocco di tre valli, di cui due addentrantisi profondamente nel Matese. Fra esse sorgone le tre levature del luogo: il Muto, la terrazza di Castello del Matese ed il Cila. Erosioni ed alluvioni hanno creato lentamente un compluvio pedemontano, il cui punto di confluenza, e perciò più basso, è fra l’attuale piazza Carmine e la Chiusa. In questo largo angolo, che si apre dal rione San Giovanni, si estende l’abitato. La valle del Torano, più in alto valle Orsara, e ancor più sopra valle dell’Inferno, lunga 5 km., e quella del Rivo breve e precipitosa, hanno origine da antichissimi e grandiosi movimenti tettonici; la valle Paterno, […]

Cappella di San Biagio

Cappella di San Biagio

La costruzione della cappella di San Biagio, ubicata in Via Ercole D’Agnese, è da collocarsi tra la fine del ‘300 e gli inizi del ‘400. La piccola cappella patrizia fu eretta dalla famiglia “Iacobuttis” o “Iacobelli”, appartenente ad una corporazione di tessitori (panni di lana) e, secondo una consuetudine dell’epoca, affrescata ed ornata con Storie bibliche del Vecchio e Nuovo Testamento, tratte anche da Vangeli apocrifi, ed episodi riferibili alla vita di San Biagio, protettore, appunto, dei cardatori. Per comprendere appieno il contesto storico-culturale in cui l’edificio s’inserì, basta ricordare la positiva influenza di una donna, Sveva Sanseverino, signora delle terre di Piedimonte e promotrice di un rinnovamento sociale e […]