Scavi di Ercolano

Scavi di Ercolano

Scavi di Ercolano Gli scavi archeologici di Ercolano hanno restituito i resti dell’antica città di Ercolano, seppellita sotto una coltre di ceneri, lapilli e fango durante l’eruzione del Vesuvio del 79, insieme a Pompei, Stabiae ed Oplonti. Ritrovata casualmente a seguito degli scavi per la realizzazione di un pozzo nel 1709, le indagini archeologiche ad Ercolano cominciarono nel 1738 per protrarsi fino al 1765; riprese nel 1823, si interruppero nuovamente nel 1875, fino ad uno scavo sistematico promosso da Amedeo Maiuri a partire dal 1927: la maggior parte dei reperti rinvenuti sono ospitati al museo archeologico nazionale di Napoli, mentre è del 2008 la nascita del museo archeologico virtuale che […]

Ercolano

Ercolano

Ercolano, un tempo chiamata Heracleia, e’ una antica citta’ nelle vicinanze di Napoli, sulle cui origini sono state avanzate varie ipotesi. Secondo lo storico Dionigi di Alicarnasso la citta’ sarebbe stata fondata da parte del semidio Ercole nel 1243 a.C., mentre, costeggiando le coste della Campania, riportava in patria le mandrie del Sole prese al gigante Gerione nell’isola di Erizia, in Spagna. Di sicuro i primi Cardo III Ercolano Scavi insediamenti umani di cui si hanno notizie, risalgono al periodo in cui gli osci si stabilirono in questa zona, , nel XII secolo a.C. Testimonianze di questa civilta’ sono state lasciate dalle trascrizioni in lingua osca che pare fosse rimasta […]

Risotto alla pescatora

Risotto alla pescatora

Ingredienti: 1kg. di riso, 1,5kg. di pesce, 500gr. di cozze, 500gr.di vongole, 100gr. di olio, 500gr. di pelati, 1 bicchierino di vino, aromi vari. Preparazione Dopo aver lavato i molluschi e i polipetti, si immergano in dell’olio bollente affinche’ si aprino. Colate il loro brodo per usarlo successivamente. Fate soffriggere, in una pentola a parte, olio, vino, aglio e pomodori pelati. Aggiungetevi i calamaretti, polipi e gli altri molluschi. Durante a cottura aggiungete il brodo che avevate messo da parte, quindi sale e prezzemolo. Versate il tutto sul riso appena scolato e servite subito.

San Mauro Cilento

San Mauro Cilento

La prima notizia su San Mauro Cilento risale al 1092, quando risulta che apparteneva al feudo cilentano dei Sanseverino, i quali lo donarono alla badia di Cava. Molti elementi, comunque, fanno presumere che il centro abbia avuto origine già durante l’epoca longobarda e in seguito all’immigrazione dei monaci italo – greci. Come Università autonoma San Mauro Cilento visse un periodo di discreto benessere economico, che si interruppe durante la dominazione francese (1805-1815). San Mauro Cilento ha due centri abitati, Casal Soprano e Casal Sottano, ed è incastonato tra il Monte Stella, le colline di ulivi e la fascia costiera con Mezzatorre. La montagna è ricoperta di boschi di castagno, ha […]