Minestra maritata,ricetta irpina

Minestra maritata,ricetta irpina

Ingredienti: 300g di costine di maiale 300g di cotechino 250g di prosciutto con l’osso 700g di verza 500g di scarola 400g di cicoria 2 spicchi d’aglio crosta di parmigiano erbe aromatiche olio sale Tagliate la carne a pezzetti, posizionatela in una pentola molto capiente e copritela con abbondante acqua e sale. Aggiungete le erbe aromatiche e fate cuocere fino a quando la carne non sarà cotta. Togliete la carne dalla pentola e togliete con una schiumarola il grasso in eccesso. Lavate bene le verdure e fatele cuocere in una pentola a parte piena d’acqua salata. Scolate le verdure quando sono ancora a metà cottura e mettetele nel brodo. Aggiungete la […]

Il Castello Ducale di Bisaccia (Av)

Il Castello Ducale di Bisaccia (Av)

Il Castello Ducale di Bisaccia sorge su uno sperone del monte Calvario. Fu costruito dai Longobardi intorno alla seconda metà dell’VIII secolo. Le prime notizie storiche risalgono al 1077, in un atto di donazione viene citato un certo “Riccardo barone di Bisaccia” in qualità di proprietario del feudo. I Longobardi governarono Bisaccia fino all’arrivo dei Normanni guidati da Roberto d’Altavilla. Distrutto dal sisma del 1158 fu ricostruito verso la fine del XIII secolo da Federico II di Svevia. Fu la volta degli Aragonesi e nel 1462 Bisaccia passò a Isabella, moglie di Federico d’Aragona. Verso la fine del ‘500 il Castello di Bisaccia appartenne a Giovan Battista Manso, amico del […]

Bisaccia

Bisaccia

Al centro del vastissimo territorio comunale, assai interessante dal punto di vista naturalistico, ambientale e faunistico, Bisaccia vecchia si erge su uno sperone del Monte Calvario, che separa il bacino dell’Ofanto da quello del Carapelle. A seguito del terremoto del 1930, venne edificata Bisaccia Nuova, dove finisce la SS 303, a sud delle colline Serroni. La natura del suolo friabile, formato da sabbia ed argilla, su cui insiste il paese vecchio, con i suoi secolari cedimenti e spostamenti, ha creato fratture profonde e visibili, accentuando la separazione tra i due nuclei abitati, il vecchio, agonizzante in cui sopravvivono circa 300 nuclei familiari, ed il nuovo, che ne accoglie circa 1600. […]

ABBÀ di Pier Paolo Patti

ABBÀ di Pier Paolo Patti

“Abbà, perdono e inconsapevolezza” è il titolo di piena ispirazione e riferimento evangelico della prima personale napoletana di Pier Paolo Patti. La mostra, visitabile fino al 15 gennaio 2018, si inaugura venerdì 24 novembre nei suggestivi spazi della home gallery PrimoPiano di Antonio Maiorino e Massimo Pastore. Il progetto curato da Raffaella Barbato, nasce come riflessione sullʼattuale condizione di precarietà esistenziale e krisis dei valori di cui lʼuomo è al contempo vittima e carnefice. La mostra è articolatala in tre sale rispettivamente dedicate allʼImmanenza, allʼIncarnazione, alla Trascendenza alle quali lʼartista associa concettualmente il colore nero, rosso e bianco (Nigredo/nero/putrefazione – Rubedo/rosso/sublimazione – Albedo/bianco/distillazione), cromie che fanno riferimento alle trasmutazioni alchemiche, […]