Filetto di maiale con salsa bianca

Filetto di maiale con salsa bianca

Filetto di maiale con salsa bianca Ingredienti Per due persone: 300 g. di filetto di maiale 50 g. di provolone dolce 10 ml. di vino bianco secco 2 cucchiai di olio extravergine di oliva 5 olive nere 5 olive verdi 25 g. di pancetta fresca 1 foglia di salvia Mezza foglia di alloro 12 g. di timo Sale Peperoncino in polvere Pepe nero Preparazione Tritate tutte le erbe aromatiche e passate nel trito le fette di filetto di maiale. Mettete su ogni fettina di maiale una fettina di pancetta, piegatela e fermatela con uno stuzzicadenti. Friggete gli involtini, in una padella con l’olio, per 20 minuti. Unite il peperoncino, il […]

Z’a onta, piatto tipico di Sassinoro

Z’a onta, piatto tipico di Sassinoro

La z’a onta è un piatto tipico della zona dell’Alto Tammaro e più precisamente nei Comuni di Sassinoro e Morcone. Le sue origini sono molto antiche poiché tale piatto è cucinato al momento della lavorazione delle carni del maiale, evento ripetuto ogni anno in queste zone. Tale piatto ha una preparazione che ha origini molto antiche,infatti gli anziani  mettevano ritagli di carne di parte nobile e meno nobili del maiale  in padella, ai quali, durante la cottura, si aggiungevano dei peperoni conservati sott’aceto fatti a pezzetti.E’ una ricetta tipica di tutto il territorio sannita  Campano. Sono presenti due ricette, nella prima ricetta vi troviamo carne , aglio in camicia, peperoni sott’aceto ed […]

Santuario S.Lucia

Santuario S.Lucia

Nel 1600 la montagna di Sassinoro, dal Monte Rotondo fino ai confini di Sepino, di Pietraroia e di Morcone era tutta una immensa distesa di boschi, ove i pastori si recavano a primavera e vi rimanevano fin quando i freddi intensi dell´autunno inoltrato non li costringevano a scendere verso la piana. Un fatto strano, però, si ripeteva da parecchi giorni in quella memorabile primavera del 1600.Una porzione di gregge spariva dallo sguardo vigile dei pastori che invano richiamavano con la voce e con il fischio noto. Quando essi dopo un giro di ricerca tornavano sul luogo di prima, ritrovavano l´armento che pascolava tranquillamente. Esso spariva attraverso il foro di un […]

Sassinoro

Sassinoro

Il nome deriva dall´espressione latina Saxi-in-ora, spiegando che essa vuole indicare una “Terra … abitata, posta, situata in ora, incontro all´estremità del sasso, ossia della roccia a picco sul monte Rotondo”. Per lo stesso motivo, il fiume a sud-ovest porta lo stesso nome, quindi la roccia sarebbe quella delle “Ripe Rosse”, sulla sponda sinistra della Sassinora. Questa origine è collegata anche alla parola “Sassannorum” cioè “sasso di anni – sasso vecchio”. E´ un piccolo centro che, a dispetto delle dimensioni, rivestiva un tempo una grande importanza strategica, considerando che era circondato da solide mura e presentava ben quattro porte di accesso. La Porta della Corte a nord, la Porta di […]