Ricetta Biscotti speziati con ganache al cioccolato bianco

Ricetta Biscotti speziati con ganache al cioccolato bianco

100 gr farina – 70 gr scorze di limone e arancia candite – 60 gr zucchero di canna – 50 gr segale – 50 gr zucchero semolato – 50 gr farina di mandorle – 50 gr mandorle sgusciate con la pelle – 30 gr miele di acacia – 2 uova – lievito in polvere per dolci – spezie in polvere: cannella, zenzero, noce moscata, anice – sale Montate le uova con un pizzico di sale, il miele, lo zucchero di canna e lo zucchero semolato finché non diventano ben spumose e chiare. Incorporate la farina di mandorle, le mandorle tritate in granella e le scorze candite tritate finemente. Aggiungete poi […]

Ricetta Vin brûlé

Ricetta Vin brûlé

750 gr vino rosso – 2 scorze di arancia – 4 chiodi di garofano – 2 pezzetti stecca di cannella – 150 gr zucchero   Scaldate il vino con tutti gli ingredienti. Se volete, aggiungete anche un po’ di pepe, anice stellato e cardamomo. Portate a bollore. Spegnete e servite.

Mufletto di Caposele

Mufletto di Caposele

Il Muffletto è un tipo di pane fresco, simile al pane fatto con la pasta della pizza; l’impasto è a base di patate e farina; è una pagnotta di forma rotonda, dal diametro di circa 25 cm ed uno spessore di circa 5-6 cm. Il colore è simile a quello del pane prodotto con l’impasto della pizza. E’ un pane molto morbido, dal sapore delicato e dal profumo tipico. Va consumato fresco, appena sfornato; viene venduto direttamente dai forni, assieme al pane comune. Preparazione: Vanno lessate le patate, sbucciate e schiacciate; alle patate viene aggiunta farina (in proporzione 1/0,5) ed il sale; si aggiunge lievito sciolto in poca acqua e […]

Ndundenri

Ndundenri

Col nome di ndunderi si indica un tipo di pasta fatta a mano tipica di Minori, in provincia di Salerno. La ricetta degli ndunderi, utilizzati tradizionalmente per i festeggiamenti in onore di Santa Trofimena, è antichissima, pare che sia una variante delle “palline latine” di origine romana, un alimento a base di “farina caseata” cioè farro e latte cagliato. Furono i pastai di Minori a modificarne la ricetta, gli stessi che, nel ‘700, valicarono i monti lattari per trasferirsi a Gragnano dove impiantarono la moderna industria della pasta. La ricetta attuale prevede un impasto di farina e latte cagliato oppure ricotta, tuorli d’uovo, formaggio di vacca grattugiato, sale, pepe e […]