Castello di Montefalcione (Av)

Castello di Montefalcione (Av)

Montefalcione è ubicato su di un colle a 560 metri di altitudine. Con la conquista longobarda, fu costruito il forte nel punto più alto dell’abitato che si sviluppò ai piedi del Castello costituendo il primo nucleo dell’attuale paese. Presso il forte si accampò il conte di Ariano Giordano quando questi era in conflitto con il conte di Avellino Rainulfo, suo acerrimo nemico. Nel 1150, signore del Castello era il normanno Torgisio de Montefacione, a cui successe il figlio Andrea e infine Torgisio II quale ultimo membro di questa casata. Quest’ultimo osò ribellarsi al re di Sicilia, Manfredi di Svevia, che per punirlo lo fece accecare e costrinse più tardi Filippa, […]

Montefalcione (Av)

Montefalcione (Av)

Passeggiando per le vie di questo borgo medievale a 523 metri s.l.m., tra dimore gentilizie, in uno dei tre colli che forma questo paese, in località Castello, l’occhio attento del visitatore potrà notare una singolare iscrizione lapidea risalente al 1693, posta nel basamento di una civile abitazione che riporta oltre la data, 10 P affiancate. Stanno lì a dire: prima pensa poi parla perché parola poco pensata porta pena. La storia vuole che tale iscrizione fosse il testamento, lasciato in dote al paese, di un prelato dell’epoca in maniera volutamente dogmatica, quale risposta ad uno screzio subito. L’abitante capace di risolvere l’enigma avrebbe ricevuto l’eredità del curato. Al termine prefissato […]

La Soppressata di Gioi

La Soppressata di Gioi

LA TRADIZIONE Pregiata e gustosa, la Soppressata di Gioi è un salume cilentano tanto antico quanto squisito. Unico salame lardellato dell’intera Campania, ha lasciato dietro di sé tracce ormai secolari della sua produzione. Nel Compendio di Agricoltura Pratica del 1835 si parla diffusamente di questo insaccato riconoscendone la prelibatezza, l’unicità e la tradizione, che si fa risalire addirittura all’XI secolo. Contrariamente ad altre soppressate viene preparata soltanto con le parti migliori del maiale e questa particolare attenzione alla selezione degli ingredienti appare subito evidente al palato che apprezza il gradevole contrasto tra le gustose carni magre ed il succulento lardello centrale. Prodotta soltanto nel periodo autunnale ed invernale, quando le […]

Resti del castello e della cinta muraria a Gioi Cilento (Sa)

Resti del castello e della cinta muraria a Gioi Cilento (Sa)

A Gioi Cilento, estremo limite della catena difensiva, non rimane più nulla dell’opera fortificata. Rimangono comunque vistose tracce della cinta muraria del borgo, con torrette cilindriche sulla cortina difensiva che, sul lato nord del suo perimetro, includeva il castello» – «“Essendo Gioi (…), circondata da massicce ed inespugnabili mura, si entrava in paese da sette Porte. Fra settentrione e levante ne esisteva una detta “Portanova”. Era di forma architravata, ampia; e dai ruderi e dai diversi pezzi di considerevoli dimensioni, che ancora si conservano, è da credere che “Portanuova” sia stata maestosa, magnifica, ben lavorata e degna veramente, solo di un’Università agiata. Dalla base, su cui erano sdraiati due leoni […]