Chiesa Madre di San Bartolomeo in Galdo (Bn)

Chiesa Madre di San Bartolomeo in Galdo (Bn)

La Chiesa Madre venne utilizzata come cattedrale della diocesi di Vulturara, venne ampliata e riconsacrata esattamente l’8 luglio del 1703 dal cardinale Vincenzo Maria Orsini, arcivescovo di Benevento e poi divenuto papa Benedetto XIII, ed infine dedicata a san Bartolomeo apostolo. L’interno si presenta con un impianto a croce latina, ha un rosone nella parte alta della facciata principale. Vi si possono ancora ammirare due portali del secolo XV°, provenienti dalla badia di Santa Maria del Gualdo in Mazzocca. Nell’anno 2009 venne inaugurata la nuova porta in bronzo che riporta in 24 formelle alcuni episodi della storia dei santi protettori san Bartolomeo apostolo e san Giovanni eremita. Accanto alla chiesa […]

San Bartolomeo in Galdo (Bn)

San Bartolomeo in Galdo (Bn)

Il territorio di San Bartolomeo in Galdo è posto all’estremo limite della provincia di Benevento ed è limitrofo a quelle di Foggia e Campobasso. Le sue origini sono piuttosto remote e in tempi antichi fu una rocca dei Sanniti. Il territorio attuale di San Bartolomeo in Galdo, costituito da quattro ex-feudi, si ipotizza che sia stato abitato anche dai Liguri. Le parole “San Bartolomeo in Galdo” accoppiano due idee, di una chiesa cristiana e di un bosco: il nome del Santo ci rimanda al culto diffuso dal principe longobardo Sicardo, che, nell’838, portò in Benevento le reliquie dell’Apostolo, sottratto ai Saraceni dell’isola di Lipari … Con l’avvento degli Angioini (1266), […]

Zuppa di piselli e papate

Zuppa di piselli e papate

Proporzioni per 5 persone. Tempo di realizzazione 40 minuti. Ingredienti: 1/2 dl di olio di oliva, 100gr di cipolle, 250gr di patate, 250gr di piselli, 80gr di pancatta, sale e pepe in giusta misura. Procedimento: in una pentola, mettete a imbiondire nell’ olio le cipolle che in precedenza avrete tagliato sottilmente. Quando queste saranno ben rosolate, aggiungete la pancetta tagliata a dadini. Fate crogiolare anche questa. Quindi, versate le patate tagliate a dadini e ricoprite con acqua tiepida. In ultimo unite i piselli sbucciati. Salate e pepate in giusta misura. Fate cuocere a fuoco lento. Variante: volendo, potete aggiungere anche qualche pomodoro.

Montefusco (Av)

Montefusco (Av)

Sospeso tra l’Irpinia e il Sannio, sulla cima del Monte Gloria, il borgo di Montefusco è luogo di nobile storia e natura incontaminata, di vini pregiati, genuina gastronomia e forti tradizioni artigianali. I vicoli in pietra conducono a belvederi spettacolari su imperiosi orizzonti montuosi e placide distese verdeggianti. Lo sguardo si estende dal Molise alla Lucania, dalla Puglia ai Massicci del Taburno, del Partenio e del Terminio. I portali, le araldiche, le architetture testimoniano il glorioso passato di capitale del Principato Ultra. L’incantevole centro storico di Montefusco conserva edifici e monumenti medievali, rinascimentali e barocchi di notevole interesse artistico e architettonico: la chiesa di San Giovanni del Vaglio, il monastero […]