Il castello di Cusano Mutri (Bn)

Il castello di Cusano Mutri (Bn)

Il castello di Cusano Mutri era una architettura medievale che dominava il centro storico di Cusano Mutri e di cui oggi restano alcuni ruderi. Sull’origine del castello non si ha alcuna documentazione scritta anche se un forte era già citato nella bolla di papa Felice III che nel 490 elesse il primo parroco della chiesa di san Pietro, sita appunto presso le mura del castello come ancora oggi. L’attuale costruzione è però da includere nell’insieme delle fortificazioni che i Sanframondi costruirono entro la metà del XIII secolo nei loro feudi. Il castello venne assaltato nel 1780 durante una insurrezione di contadini che lo diedero alle fiamme. I ruderi dell’edificio sono […]

Cusano Mutri (Bn)

Cusano Mutri (Bn)

L’impianto urbanistico di Cusano Mutri ha il pregio di non aver subito grosse variazioni strutturali rispetto ad altri centri devastati dai continui terremoti verificatisi nel circondario. Si può ammirare la struttura autentica del borgo medioevale, con pochi interventi di ristrutturazione. La passeggiata nel borgo, con le sue scalinate in pietra, i resti del castello feudale e la sua torre, costituiscono per il visitatore un’esperienza emozionante. La visita del centro storico inizia da piazza Orticelli. Percorrendo le tipiche scalinate di via Cerro imbocchiamo via Municipio, lungo la quale incontriamo l’ex convento dei Padri Agostiniani. Già palazzo dei Santagata, esso è un chiaro esempio della tipica abitazione settecentesca dei nobili locali. Proseguendo […]

Cassata avellana

Cassata avellana

INGREDIENTI Pan di spagna: 90 g di farina 90 g di zucchero 3 uova 1 cucchiaino di lievito Per il ripieno: 250 g di ricotta 200 g di zucchero 50 g di gocce di cioccolato fondente 30 g di nocciole di Avella Per la bagna: 200 ml di acqua 3-4 cucchiai di zucchero 2 cucchiai di rhum Per la decorazione: 250 gr di zucchero a velo 1 albume 1 cucchiaino di succo di limone nocciole gocce di cioccolato PROCEDIMENTO Iniziate con la ricotta: dopo aver eliminato l’acqua in eccesso, mescolatela con lo zucchero, le nocciole e le gocce di cioccolato. Ora preparate il pan di spagna: montate a neve gli […]

Avella (Av)

Avella (Av)

L’origine etimologica del nome Avella è alquanto incerta e remota: le fonti più attendibili (Plinio, Severio Mauro e Ambrogio Leone) lo legano alla qualità delle nocciole che abbondano nel suo territorio, sebbene fonti non meno autorevoli lo riconducono alla particolare intensità dei venti locali che sono capaci di sradicare alberi e “scoprire edifici” (il verbo “Avello” in latino ha, infatti, il significato di “estirpare con forza). I particolari connotati orografici e paesaggistici del territorio notati da un popolo di origine greca, i Cumani Calcidesi, danno credito, secondo il Giustino, ad un’origine alquanto più poetica poiché: “un gruppo di calcidesi, giunti in zona dopo averattraversato le gole di Monteforte, rimasero particolarmente […]