Chiusano di San Domenico (Av)

0
522
views

In una valle verdeggiante alle falde occidentali dell’imponente Monte Tuoro (1.422 metri), le cui acque si riuniscono nel torrente Vallone Grande che confluisce nel fiume Sabato, Chiusano di San Domenico, prossima alla Conca Avellinese, è un piccolo paese irpino che, in origine arroccato attorno ai ruderi del castello, ha visto notevolmente svilupparsi la parte nuova del paese, molto più a valle. Le campagne, coltivate a cereali, vigneti, uliveti e castagneti, ben si inseriscono nel piacevole contesto naturalistico e paesaggistico al confine tra la media Valle del Sabato e l’alta Valle del Calore.

Dati essenziali: a 680 metri s.l.m. ed a 12 chilometri da Avellino, Chiusano di San Domenico ospita poco meno di 2500 Chiusanesi, con una tendenza demografica lievemente negativa (gli abitanti erano 3109 a fine XIX secolo). Il Santo Patrono è S. Michele Arcangelo, festeggiato l’8 maggio. Altri eventi sono la Sagra del maiale (gennaio), la Festa di S. Rita (22 maggio), la Festa della Madonna del Carmelo (16 luglio), la sagra del maiale e della pasta fatta a mano (luglio e agosto), la Festa di S. Domenico (4 agosto) e la Festa dell’Annunziata (15 agosto). Chiusano di San Domenico si raggiunge agevolmente e rapidamente da Avellino percorrendo la Strada Statale 400.

La splendida posizione naturalistica e paesaggistica di cui gode Chiusano di San Domenico e la notevole vicinanza al Capoluogo Avellino, ne fanno una meta ideale sia per visite brevi che per soggiorni più prolungati. Ossigenanti escursioni possono essere effettuate attraversando i boschi cedui del Monte Tuoro e sulle colline del circondario coperte da vegetazione, ove oltre all’aria salubre è possibile ammirare le tante sorgenti e corsi d’acqua che rientrano nel territorio di questo Comune Irpino. Infatti, in tale area nasce il torrente Vallone Grande S. Marco, che bagna anche i Comuni di Candida, Montefalcione e Pratola Serra, in un contesto naturalistico e paesaggistico davvero interessante. Si segnalano, inoltre, il Piano di S. Agata, dove sgorga l’acqua dell’omonima sorgente, la Fontana Vecchia, la Sorgente Acqualemma e tante altre fonti.

Da visitare sono le varie chiese di antiche origini,l’eremo di Santa Maria della Valle e i resti del Castello.

https://t.me/turismocampania

SEGUICI ANCHE SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Resta sempre aggiornato su Turismo, Cultura, Eventi