La Chiesa del Santissimo Salvatore a Benevento

La Chiesa del Santissimo Salvatore a Benevento

La Chiesa del Santissimo Salvatore è tra più antiche della città è infatti, di origine altomedievale così come testimoniano i documenti e i ritrovamenti archeologici all’interno della stessa.
Da una iscrizione presso il muro della casa parrocchiale e soprattutto dagli scrittori medievali come Falcone Beneventano l’antica chiesa sorgeva presso quella dedicata a San Quirico.
Danneggiata da varie scosse telluriche fu ristrutturata nel 1650 da Giovan Battista Roscio che ne ottenne il patronato. Fu danneggiata ancora dal terribile terremoto del 5 giugno 1688 per cui si rese necessaria una nuova ristrutturazione da parte del Cardinale Orsini che la consacrò il 18 aprile 1696.
La Chiesa è parte integrante della Parrocchia di Santa Sofia ed era definita, in passato, “Ecclesia S. Salvatoris de Porta Somma”. La struttura è stata più volte rimaneggiata, consacrata e riconsacrata nei secoli, a causa delle varie scosse telluriche subite e dei conseguenti lavori di restauro. L’edificio, infatti, fu chiuso nel 1962 per i danneggiamenti subiti ed è stato riaperto soltanto nel 2001.
La struttura è certamente di fondazione longobarda, come si evince da un documento datato 22 febbraio 926, in cui si fa riferimento al ”Monasterio Domini Salvatoris”, con tanto di posizione annessa. Ad accertarne l’origine furono soprattutto gli scavi archeologici eseguiti tra il 1997 ed il 1999, durante i quali si rinvennero alcune sepolture e la presenza di un edificio sacro risalente al VII secolo, e poi sostituito dall’impianto del secolo VIII-IX.

La chiesa del Santissimo Salvatore si presenta oggi con una facciata a forma di capanna. L’ingresso è costituito da un piccolo arco, abbastanza stretto, che presente ai suoi lati due piccole finestre. L’edificio è stato ben restaurato, al suo interno si trovano colonne e capitelli romani, gli archi richiamano l’epoca medioevale mentre la navata destra, dopo alcuni restauri, ha assunto invece aspetti barocchi.

La principale caratteristica della struttura è dovuta dal fatto che, nel corso dei vari restauri, si è deciso di lasciare visibili le tracce delle diverse modiche apportate nel corso della sua storia, così che, dalle tre navate della sacrestia è possibile guardare, attraverso delle lastre di vetro, i resti delle fondazioni dell’epoca longobarda.

https://t.me/turismocampania

SEGUICI ANCHE SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Resta sempre aggiornato su Turismo, Cultura, Eventi

About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568