La Reggia di Carditello (Ce)

La Reggia di Carditello (Ce)

Il Real Sito di Carditello, conosciuto anche come Reggia di Carditello, è una residenza borbonica dedicata alla caccia, all’allevamento dei cavalli di razza reale e alla produzione agricola sperimentale.
Dal 2016 il complesso monumentale è gestito dalla Fondazione Real Sito di Carditello, costituita dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dalla Regione Campania e dal Comune di San Tammaro per promuoverne la conoscenza, la protezione, il recupero e la valorizzazione.

La Reale Tenuta di Carditello è la sorella piccola della Reggia di Caserta, un complesso architettonico di stile neoclassico progettato da Francesco Collecini (allievo di Luigi Vanvitelli), fu inizialmente riserva di caccia di Carlo III di Borbone, che poi volle impiantarvi un allevamento di cavalli, da cui la Corte si approvvigionava di cavalli di razza.
A partire dal 1787 fu trasformata da Ferdinando IV in una moderna fattoria di circa 2000 ettari per la coltivazione di cereali, legumi e foraggi, questi ultimi a sostegno dell’allevamento di razze pregiate di cavalli e di bovini posto nelle ali dell’edificio.
Dopo l’unità d’Italia la Tenuta passò alla casa reale dei Savoia, come tutte le tenute e regge dei Borbone. Nel 1919 fu donata all’Opera Nazionale Combattenti, che procedette alla lottizzazione e vendita dei terreni, che, purtroppo, fu l’inizio di troppi anni di incuria, di vandalismi, di scandaloso abbandono con conseguente spoliazione di arredi e suppellettili. Dalla lottizzazione sono esclusi i fabbricati e i 15 ettari circostanti, che nel secondo dopoguerra sono affidati al Consorzio Generale di Bonifica del Bacino Inferiore del Volturno.Solo negli anni 80 dello scorso secolo si procedette al restauro del corpo centrale dell’edificio con parziale recupero e restauro degli affreschi.

La “Reale Tenuta di Carditello” comprende la Palazzina reale incastonata in edifici lunghi e bassi, arretrati rispetto ad essa, adibiti alle attività agricole ed all’allevamento. La Palazzina reale ha il piano terreno, il piano nobile e, al secondo piano, il belvedere ed una balaustra traforata con agli angoli trofei d’armi. Essa prospetta su una gran corte rettangolare in cui il Collecini, ispirandosi agli antichi circhi, pose una pista ellittica di terra battuta con due fontane con obelischi nei due fuochi ed una piccola rotonda, in forma di tempietto, al centro dell’ellisse. Ancora oggi, pur con le erbacce che infestano la corte rettangolare e le mutilazioni delle fontane, l’ispirazione e la realizzazione del Collecini suscitano subito, nel visitatore, ammirazione e rispetto per il sito. Su quella pista venivano addestrati i cavalli e, nel giorno dell’Ascensione, si tenevano corse di cavalli, seguite dal Re dalla rotonda.
All’interno della palazzina reale due scale simmetriche conducono al piano nobile, ma una di esse è stata completamente spogliata di tutti i suoi marmi e non agibile. Alle loro pareti vi sono stucchi di trofei di cacciagione ed armi, che, con quelli dipinti in vari ambienti, testimoniano l’interesse dei Sovrani per tale attività.

Tra le due scale è posta la Cappella abbellita da delicati affreschi alle pareti e sui pennacchi della cupola ed un magnifico stucco sulla lunetta dell’altare raffigurante lo Spirito Santo circondato da angeli. Le funzioni religiose potevano essere seguite dal Re e dalla sua famiglia dalle balconate della Cappella poste al piano nobile e abbellite con due affreschi rappresentanti la Natività e la Fuga in Egitto.

Il piano nobile della Palazzina reale è privo di arredi e suppellettili, qualcuno salvato e giacente nella Reggia di Caserta o in quella di Capodimonte. Due camini sembrano occhiaie vuote: i loro marmi sono stati asportati e forse adornano oggi camini privati. Tuttavia, le sale ed il salone danno una buona idea dell’antica grandezza conservando parte degli affreschi che li abbellivano.

Il salone centrale ha la volta affrescata da Fedele Fischetti, mentre gli altri soffitti sono di Giuseppe Cammarano. Le scene campestri alle pareti sono di Jacob Philipp Hackert : la regina seduta su un covone di grano mentre gioca col suo bambino ed il Re che offre al suo fedele cane una pagnotta ci ricordano i momenti felici trascorsi nella Tenuta dalla famiglia reale.

Degli edifici adibiti alle attività agricole ed all’allevamento è stata restaurata solo una grande stalla, mentre gli altri non sono stati restaurati e sono interdetti al pubblico perché pericolanti o perché pericolosi per gli ostacoli che si incontrano nel visitarli.

https://t.me/turismocampania

SEGUICI ANCHE SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Resta sempre aggiornato su Turismo, Cultura, Eventi

About Vittorio Fascione

Responsabile commerciale, portale turistico www.consumionline.it Contatti:  Facebookhttps://www.facebook.com/vittorio.fascione Email: consumionline@outlook.it telefono: 345.4026568